Wi-Fi pubblico a Venezia. E però …

23 giugno 2009

Il Wi-Fi pubblico è senz’altro gratuito, ma non sempre è proprio libero. Mentre può essere comprensibile che i centri commerciali vogliano raccogliere informazioni sulla navigazione e ci mandino mail e sms pubblicitarie a fronte delle aree wi-fi gratuite che mettono a disposizione, è un po’ più complicato capire che ci debba fare con tutte queste informazioni il Comune – ad esempio il Comune di Venezia:

Venezia si accinge a lanciare un servizio di connettività senza fili, fruibile inizialmente da parte dei residenti e presto esteso anche a chi nella città lagunare lavora o studia. […] Il servizio è stato battezzato “Cittadinanza Digitale” ed è offerto dalla pubblica amministrazione previa registrazione di un account utente personale. Come si spiega sul sito del progetto, i residenti nel Comune di Venezia possono sin d’ora attivare il proprio accesso specificando il proprio numero di carta d’identità e quello della SIM, intestata a proprio nome, del cellulare. […] I minorenni (con un’età minima pari a 15 anni) o coloro che non dispongono di un indirizzo e-mail (anch’esso indispensabile per completare l’accredito) potranno comunque rivolgersi agli URP (Uffici Relazioni con il Pubblico) per espletare le formalità del caso.

leggi l’articolo: ilsoftware.it